Controllo accessi – Crocetta Baseball

controllo accessi - QenteR - Crocetta Baseball | Sygest Srl

Sistema controllo accessi con la soluzione QenteR® – Il case study: Crocetta Baseball & Softball Club

Torniamo a parlare di QenteR® (link) l’innovativa applicazione erogata in cloud, ideata allo scopo di regolamentare il controllo accessi in un determinato ambiente e consentire la registrazione automatica e digitale delle persone. In questo articolo, in particolare, descriviamo il case history riguardante la Crocetta Baseball & Softball Club.

La Crocetta Baseball & Softball Club (sito web) è una società sportiva di Parma che, nell’arco dei suoi 40 anni di vita, ha sempre cercato di trasmettere i valori e la passione per il baseball a varie generazioni di ragazzi.

La politica di gestione, da sempre fondata sul vivaio (uno dei più grandi e importanti d’Italia), ha portato nel corso degli anni alla vittoria di 10 scudetti in varie categorie giovanili, lanciando molti ragazzi sui più importanti palcoscenici nazionali e internazionali e facendo del proprio settore giovanile il fulcro della squadra senior.

Grazie a questa precisa scelta societaria e a una marcata linea verde che vede una rosa formata da ragazzi con un’età media di 20 anni, lo scorso anno la Crocetta è riuscita nell’impresa di guadagnarsi la promozione nella Serie A di baseball.

Le problematiche di sicurezza, imposte a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19 e l’elevato numero di persone che transitano nei campi di allenamento, ha portato la dirigenza a stringere un rapporto di collaborazione con Sygest per l’utilizzo della soluzione QenteR® (link). L’obiettivo è di registrare e garantire il controllo accessi di tutti i giocatori e allenatori e, con l’imminente inizio del campionato (previsto per sabato 8 Maggio), anche di spettatori e tesserati delle squadre avversarie.


controllo accessi - QenteR - Crocetta Baseball | Sygest Srl

Le registrazioni avvengono sia tramite la App (mediante l’utilizzo di uno smartphone) che tramite una “Invitation”, sotto forma di badge cartaceo con QR-code, che viene letto da un tablet “Desk” presente all’ingresso dell’impianto sportivo.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Gestione accessi – Webinar 5 maggio 2021

gestione accessi - QenteR - webinar | Sygest Srl

Gestione accessi controllati dei visitatori in azienda – QenteR® Suite | Webinar 5 maggio 2021, ore 11:00

Mercoledì 5 maggio 2021, dalle 11:00 alle 12:00, Sygest terrà un webinar sul delicato tema della gestione accessi controllata dei visitatori in azienda, illustrando per l’occasione QenteR® Suite.



QenteR® è l’innovativa soluzione in cloud ideata allo scopo di regolamentare e monitorare gli ingressi dei visitatori in azienda. In particolare, contente di:

  • gestire gli accessi in modo conforme alle disposizioni anti Covid-19;

  • prenotare meeting room con funzione anti-assembramento;

  • velocizzare e semplificare la registrazione del visitatore.


gestione accessi - QenteR - webinar | Sygest Srl

QenteR® dà la possibilità di registrarsi in maniera automatica e di gestire digitalmente gli accessi degli utenti in modi sicuro, pratico, efficiente, conforme alla normativa sul trattamento dei dati personali (GDPR) e garantendo il necessario distanziamento sociale.

Con QenteR® i referenti interni dell’azienda potranno monitorare, in tempo reale, la situazione legata alla gestione accessi e conoscere il numero esatto delle persone presenti all’interno del perimetro aziendale. Tutto questo con notevoli risvolti positivi anche per quel che concerne il punto di vista della sicurezza.




Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

QenteR Suite

QenteR - registrazione visitatori in azienda | Sygest Srl

QenteR – Dall’idea allo sviluppo della soluzione in cloud

Sygest, sempre pronta a cogliere spunti di interesse per sviluppare nuove soluzioni, alcuni anni fa ha pensato che la modalità di registrazione e accesso dei visitatori nelle aziende potesse essere digitalizzato e migliorato, eliminando carta e tempi di attesa, soprattutto in mancanza di una reception all’ingresso. E’ da qui che partono le idee che si sarebbero poi concretizzate con lo sviluppo della soluzione QenteR (sito web).

Al di là di questi aspetti restava anche la possibilità di poter gestire meglio la sicurezza delle persone presenti in azienda, sapendo esattamente chi era presente in un certo momento, soprattutto in caso di pericoli o catastrofi che potessero intrappolare molte persone all’interno di un edificio.

Da qua l’idea di realizzare un sistema innovativo di accesso che si basasse su una App (scaricabile gratuitamente dal visitatore) che, leggendo un QR-code (specifico per quella azienda e della sede all’interno della quale si stava entrando) consentisse di tracciare l’ingresso delle persone e di segnalarlo, tramite mail, alla persona che si stava per  incontrare e al responsabile della sicurezza.


QenteR - registrazione visitatori in azienda | Sygest Srl

Premessa

Nel 2017-2018 si è pensato di realizzare un Contest fra gli studenti dell’Università di Parma per fargli sviluppare questa idea. Al termine del progetto, che ha premiato un paio di studenti della facoltà di Ingegneria Informatica, Sygest ha preso in carico il prodotto cercando di industrializzarlo.

Si è capito fin da subito che l’App da sola non era sufficiente per soddisfare tutte le esigenze degli utilizzatori perché in alcuni casi il visitatore trovava difficoltoso scaricare la App o perché si trattava di un personaggio “influente” (un cliente importante) a cui non si voleva far fare attività.

Sono state quindi vagliate due idee aggiuntive:

  • la prima prevedeva lo sviluppo di un’interfaccia su un tablet posizionato all’ingresso dell’azienda (soluzione DESK), attraverso cui il visitatore poteva registrarsi direttamente (oppure era la receptionist che avrebbe fatto l’operazione per lui);

  • la seconda, invece, era incentrata sulla realizzazione di inviti, spediti via mail, che potessero essere letti dal tablet in ingresso e che riconoscessero, in automatico, la persona attesa.

Con queste principali funzioni aggiuntive (e alcune accessorie) e dopo una serie di test fatte con il cliente, a inizio 2019 il prodotto è stato ufficialmente lanciato sul mercato.

 
Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

RFID e identificazione merce – Ò – Oluxury

RFID - tracciabilità merce - identificazione merce - Oluxury | Sygest Srl

Tecnologia RFID per la tracciabilità e identificazione merce – Il case study: Ò – Oluxury

 

La tecnologia RFID (acronimo inglese di Radio Frequency Identification) è sempre più richiesta in ambito di logistica e tracciabilità, come per esempio nelle soluzioni legate all’identificazione merce. Si tratta di una tecnologia di identificazione automatica, basata sulla propagazione nell’aria di onde elettro-magnetiche, che consente di rilevare in maniera univoca oggetti, animali e persone (sia da fermi che in movimento).

Il settore della logistica, in particolare, manifesta da tempo la necessità di poter disporre di un sistema di identificazione merce capace sia di garantire un livello di servizio impeccabile nei confronti del cliente finale che di ottimizzare il flusso di movimentazione interno.

Per questo motivo, Sygest ha pensato di sviluppare una soluzione di tracciabilità e identificazione merce basandosi sulla tecnologia RFID con etichette a perdere, con l’intento di garantire un maggiore controllo su magazzino e spedizioni e una superiore efficienza organizzativa.

Il settore del fashion, soprattutto quello legato agli articoli di lusso, dove il costo dell’etichetta RFID diventa irrisorio rispetto al valore del materiale, è uno di quelli che più di tutti si presta all’utilizzo di questo sistema di etichettatura.


Etichetta RFID
Esempio di etichetta RFID “a perdere”

Ed è proprio il desiderio di innovare e rendere più efficienti i propri processi interni, migliorando la logistica del magazzino centrale, che ha spinto l’azienda Ò – Oluxury (website) a puntare sull’innovativa soluzione di Sygest e disporre di un sistema di gestione di tutti i prodotti commercializzati tramite etichette RFID UHF.

Ò – Oluxury è una azienda multichannel, concessionaria del lusso nel settore fashion che ha come asset principale 15 negozi multibrand, e membro di eccellenza “The Best Shops” (che racchiude i migliori retailer italiani riconosciuti a livello internazionale).

Il flusso prevede l’interscambio dati con l’ERP aziendale partendo dal ricevimento merce con la stampa di etichette dotate di microchip RFID, contenente il codice EAN13 del capo d’abbigliamento; dal punto di vista visivo, l’etichetta mantiene la stessa configurazione di prima, esponendo codice, descrizione e lotto.

Sygest ha fornito una App sviluppata su sistema operativo Android, installata su un terminale dotato di lettore RFID UHF, con una potenza di lettura, in campo libero, fino a 6 metri di distanza.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Tracciare beni e oggetti

Tracciare e rintracciare beni e oggetti - App tracciamento | Sygest Srl

Tracciare e rintracciare beni e oggetti

 

Agli inizi del 2000 divenne legge la necessità di tracciare le informazioni sui lotti e sulla provenienza della materia prima impiegata nella produzione dei prodotti alimentari. Sygest, già da alcuni anni, aveva iniziato a sviluppare applicazioni in questo ambito. La prima volta era accaduto, qualche anno prima, in un impianto di produzione di tonno in scatola dove venivano usati i primi TAG RF-ID per tracciare la materia prima, che veniva trasportata nelle varie fasi del ciclo produttivo con delle vaschette che entravano in autoclavi a temperature vicine ai 140°C.

Solo un microchip poteva resistere a tali circostanze: le etichette in carta o PVC sarebbero state annientate. Parliamo dei primi microchip a bassa frequenza che, per essere letti, dovevano quasi venire a contatto con il lettore. Visto il costo, allora quasi proibitivo, non potevano essere a perdere, ma dovevano necessariamente essere riciclate.

Con il passare del tempo e al calo del costo dei microchip, pensammo di applicare i TAG RF-ID anche nei prosciutti del Consorzio del Prosciutto di Parma con una specie di vite in plastica (alimentare) che conteneva il TAG e che veniva poi avvitata esternamente sulla parte che a Parma definiamo “il gambetto”. Anche in questo caso l’obiettivo era quello di riciclare i TAG RF-ID perché, sebbene costassero ormai circa € 1,00 cadauno, considerando il numero totale di prosciutti in circolazione, il valore complessivo risultava comunque elevato.

La vera difficoltà restava dover leggere da molto vicino il microchip: non era ancora possibile quindi leggere in un solo colpo tutti i prosciutti presenti in una scalera.

Un problema simile lo avevamo affrontato alcuni anni prima ponendo un QR-code sulla crosta del Parmigiano Reggiano (cosa che oggi, a distanza di parecchi anni, è diventato uno standard di settore). Anche il QR-code doveva essere letto da vicino con lettori ottici molto potenti e, quindi, si rilevava un costo elevato nel trasferire le informazioni e tracciarne l’avanzamento di stato.

Oggi finalmente sono presenti sul mercato TAG RF-ID UHF che possono essere letti a distanza di 5-6 metri senza difficoltà; ecco quindi che alcuni dei tanti problemi da noi affrontati in tempi pioneristici (anche nell’ambito degli indumenti ospedalieri) per tracciare i dati sono finalmente risolti e risolvibili.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail