Modello Packing List

Modello Packing List | Sygest

Come gestire la Packing List Photo: case study Sidel


Modello Packing List | Sygest

L’azienda

Sidel, una delle tre divisioni industriali di Tetra Laval, è leader mondiale nella fornitura di soluzioni destinate al packaging in PET dei liquidi alimentari e un player trainante nel settore del confezionamento in vetro e lattina, rappresentando il partner più innovativo e affidabile nella fornitura di soluzioni a basso impatto ambientale per l’industria delle bevande.

 
Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Tecnologia RFID e Logistica

Tecnologia RFID e Logistica | Sygest Srl

Tecnologia Rfid: come funzionano i lettori di radiofrequenze?

Esistono svariate applicazioni della tecnologia a radiofrequenza sia nel quotidiano che nelle attività industriali. Questa tecnologia Rfid, infatti, è disponibile da tantissimi anni nel settore della logistica (già presente negli anni ’90) e ha avuto quindi modo di diffondersi in vari ambienti, anche se ancora non è diventata una vera e propria “killer technology”.

La logica di funzionamento è piuttosto semplice: i sistemi Tag RF-ID che spesso vediamo sottoforma di etichette (possiamo fare l’analogia del codice a barre) sono composti da un’antenna e da un microchip in cui viene memorizzata un’informazione “non volatile”.

Quando un campo magnetico, generato dall’antenna del lettore, “attiva” il microchip tramite questa antenna, i codici che sono memorizzati all’interno vengono inviati, rendendosi quindi “leggibili”.

Il lettore è pure lui composto da un’antenna che può non solo ricevere, ma anche trasmettere un codice e scriverlo sul microchip.

Le frequenze utilizzate sono varie; quella che oggi ha i maggiori utilizzi è quella UHF utilizzando un range fra 860MHz e 960Mhz. I vantaggi di questa tecnologia Rfid è che può arrivare a riconoscere tag passivi (non dotati di batteria) fino a 8-10 metri di distanza.


Tecnologia RFID e Logistica | Sygest Srl

Lettori e antenne possono essere sia varchi fissi che maneggevoli device dotati di antenna, di cui quest’ultimi sono altamente performanti in termini di distanza di lettura. Un vantaggio del terminale brandeggiabile consiste nella possibilità di riuscire a leggere rapidamente zone molto ampie, semplicemente spostandosi lungo corsie, e soprattutto di riuscire a raggiungere una efficienza di lettura superiore a quella di un varco fisso.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Supporto visivo per cliente e dogana – Webinar

Dal 'Made in' allo sdoganamento - Vantaggi per cliente e dogana | Sygest

Dal “Made in” allo sdoganamento: valore aggiunto del supporto visivo per cliente e dogana | Webinar 24 marzo 2022, ore 14:30

 

Giovedì 24 marzo, dalle 14:30 alle  15:30, Sygest e C.A.D. Dogana Logica organizzeranno un webinar dedicato al tema della spedizione delle merci, dal titolo: “Dal ‘Made in’ allo sdoganamento: valore aggiunto del supporto visivo per cliente e dogana”.



Durante il seminario verranno affrontate le seguenti tematiche:

  • Codifica doganale
  • Made in
  • Origine preferenziale
  • Dual use
  • Emissione bolle Export presso le aziende in regime di “luogo approvato”
  • Certificazione AEO

Verrà poi illustrato come la soluzione Packing List Photo (link) è in grado di fornire un supporto davvero considerevole, fornendo un servizio a valore aggiunto sia al cliente che alle autorità in dogana.

Il perfezionamento della metodologia di imballo e spedizione comporta una serie di notevoli benefici: oltre alla riduzione dei tempi di controllo presso dogana, cantiere e cliente finale, consente di ottenere una semplificazione nella comunicazione delle informazioni fra azienda e cliente e un risparmio di tempo per gli installatori “on field”.


Dal Made in allo sdoganamento - Vantaggi per cliente e dogana | Sygest

Packing List Photo: gestione delle spedizioni

Packing List Photo (link), modulo di SYS Suite®, è l’innovativa soluzione di Sygest che consente di creare una packing list del materiale inviato all’interno di casse o pallet, con associate le relative fotografie, per gestire nel miglior modo possibile le spedizione di macchine, upgrade e ricambi.

Successivamente, attraverso l’ausilio di un QR code reader o di un browser web è possibile visualizzare tutte le immagini scattate, ottenendo in questo modo un riscontro puntuale e visivo del materiale effettivamente inviato.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

QR code nelle soluzioni B2B

QR code nelle soluzioni B2B - I vantaggi per le aziende | Sygest Srl

QR code: una tecnologia sempre più utilizzata in ambito B2B

 

Il QR code (acronimo di Quick Response Code – codice a risposta veloce) è un codice univoco bidimensionale introdotto nel 1994 dall’azienda giapponese Denso Wave. È caratterizzato da tre quadrati disposti negli angoli che funzionano da punti di riferimento per un software di decodifica che può raddrizzare l’immagine e leggerne i bit (il bianco è 0, il nero è 1).

Il funzionamento di un QR code è paragonabile a quello di un codice a barre contenente le informazioni base di un determinato prodotto a cui è associato, con la differenza che è in due dimensioni e consente quindi di immagazzinare molte più informazioni, che possono essere storicizzate grazie all’utilizzo di una specifica app.

Possiamo considerare il QR code come una tecnologia di realtà aumentata, dato che “aumenta” le informazioni disponibili in uno spazio fisico attivandole digitalmente; inoltre il QR code condensa i dati codificandoli in un simbolo, un’immagine che viene poi decodificata attraverso un apposito software che, il più delle volte, è già disponibile nell’applicazione fotocamera dei principali smartphone presenti sul mercato.

Parliamo di una tecnologia semplice ma abilitante che, una volta applicata a un oggetto, genera interazione e coinvolgimento attivo: l’utente è infatti invitato a “leggere” il codice in questione per accedere alle informazioni ad esso associate (il più delle volte un link dal quale poter accedere a un contenuto o scaricare un file).


QR code nel B2B - I vantaggi per le aziende | Sygest Srl

Inizialmente il QR code è stato utilizzato principalmente in ambito B2C come strumento per ottenere l’engagement del cliente finale (dal menù dei ristoranti ai biglietti aerei, dalle insegne turistiche ai manifesti pubblicitari). Negli ultimi anni però si è rivelato uno strumento potenzialmente strategico anche per il settore B2B così da essere integrato in quasi tutte le soluzioni software.

In particolare il QR code si rivela uno strumento chiave nei seguenti ambiti:

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

RFID e identificazione merce – Ò – Oluxury

RFID - tracciabilità merce - identificazione merce - Oluxury | Sygest Srl

Tecnologia RFID per la tracciabilità e identificazione merce – Il case study: Ò – Oluxury

 

La tecnologia RFID (acronimo inglese di Radio Frequency Identification) è sempre più richiesta in ambito di logistica e tracciabilità, come per esempio nelle soluzioni legate all’identificazione merce. Si tratta di una tecnologia di identificazione automatica, basata sulla propagazione nell’aria di onde elettro-magnetiche, che consente di rilevare in maniera univoca oggetti, animali e persone (sia da fermi che in movimento).

Il settore della logistica, in particolare, manifesta da tempo la necessità di poter disporre di un sistema di identificazione merce capace sia di garantire un livello di servizio impeccabile nei confronti del cliente finale che di ottimizzare il flusso di movimentazione interno.

Per questo motivo, Sygest ha pensato di sviluppare una soluzione di tracciabilità e identificazione merce basandosi sulla tecnologia RFID con etichette a perdere, con l’intento di garantire un maggiore controllo su magazzino e spedizioni e una superiore efficienza organizzativa.

Il settore del fashion, soprattutto quello legato agli articoli di lusso, dove il costo dell’etichetta RFID diventa irrisorio rispetto al valore del materiale, è uno di quelli che più di tutti si presta all’utilizzo di questo sistema di etichettatura.


Etichetta RFID
Esempio di etichetta RFID “a perdere”

Ed è proprio il desiderio di innovare e rendere più efficienti i propri processi interni, migliorando la logistica del magazzino centrale, che ha spinto l’azienda Ò – Oluxury (website) a puntare sull’innovativa soluzione di Sygest e disporre di un sistema di gestione di tutti i prodotti commercializzati tramite etichette RFID UHF.

Ò – Oluxury è una azienda multichannel, concessionaria del lusso nel settore fashion che ha come asset principale 15 negozi multibrand, e membro di eccellenza “The Best Shops” (che racchiude i migliori retailer italiani riconosciuti a livello internazionale).

Il flusso prevede l’interscambio dati con l’ERP aziendale partendo dal ricevimento merce con la stampa di etichette dotate di microchip RFID, contenente il codice EAN13 del capo d’abbigliamento; dal punto di vista visivo, l’etichetta mantiene la stessa configurazione di prima, esponendo codice, descrizione e lotto.

Sygest ha fornito una App sviluppata su sistema operativo Android, installata su un terminale dotato di lettore RFID UHF, con una potenza di lettura, in campo libero, fino a 6 metri di distanza.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail