5G – Internet of Things

5G - internet of things | Sygest Srl

5G: cos’è, come funziona e possibili scenari per il futuro

Come ogni anno, nel secondo semestre, Sygest approfondisce e sviluppa tematiche tecnologiche che ritiene strategiche per il futuro a breve ma anche a medio e lungo termine: oggi introduciamo quindi uno degli argomenti tecnologici “caldi” dell’estate, parlando di tecnologia 5G.

Il 5G (acronimo di 5th Generation) rappresenta l’insieme di tecnologie destinate alla telefonia mobile e cellulare, i cui standard di quinta generazione sono stati stabiliti per garantire prestazioni e velocità superiori a quelli della tecnologia attualmente utilizzata, ovvero 4G/IMT-Advanced.

La rete 4G è sempre più affollata e l’aumento della domanda porta a un incremento delle problematiche per gli utenti connessi, ovvero: aumento della latenza, rallentamento del download, degrado delle prestazioni complessive e aumento di disagi e disservizi.

Le frequenze di trasmissione del segnale previste per il 5G sono: 700 MHz (quella attualmente utilizzate dalle TV), 3600-3800 MHz e 26 GHz. La velocità di trasmissione dei dati stimata è fino a 100 volte superiore di quella del 4G, con una velocità potenziale massima di 20 Gbps (Giga bit per secondo), il che permetterà di scaricare molto rapidamente grandi quantità di dati.

Il 5G è strutturato per offrire significativi miglioramenti a reti e infrastrutture di telecomunicazioni e promette di cambiare ogni aspetto del mobile computing. Tutte le tecnologie digitali basate su Intelligenza Artificiale (IA), Internet of Things (IoT) e Realtà Virtuale trarranno enormi benefici dall’adozione di queste reti, accelerando il loro sviluppo e utilizzo anche nella realtà aziendali, sempre più orientate al modello di Industria 4.0.


5G - internet of things - IoT | Sygest Srl

Tra i vantaggi più significativi apportati dal 5G abbiamo:

  1. Aumento della larghezza di banda: attraverso una grande e potente infrastruttura wireless, la tecnologia 5G permetterà di trasferire facilmente qualsiasi mole di dati, molto più di quello che è possibile fare oggi. Questa tecnologia consentirà, infatti, la trasmissione immediata di enormi volumi di dati, creando una connessione lineare tra il mondo digitale, quello fisico e i servizi cloud. Come già accennato prima, la velocità di trasmissione dati dovrebbe raggiungere valori di picco di circa 20 Gbps. Nell’uso pratico e reale, però, le stime sono molto più basse e si aggirano interno a 1,4 Gbps. Facendo un rapido confronto con le reti 4G LTE (Cat. 15), qui il picco è di circa 4000 Mbps, sebbene nella pratica siamo vicini ai 100 Mbps.

  2. Alta densità. Il 4G attualmente non è in grado di connettere ogni cosa. Il mondo si sta evolvendo verso uno scenario che vede sempre più dispositivi connessi a Internet e in grado di scambiare dati tra loro, autonomamente. Il 5G punta a far connettere dispositivi e oggetti “intelligenti” che, al momento, sono ancora offline.

  3. Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Intelligenza Artificiale e tendenze tecnologiche 2019

Intelligenza Artificiale - Tendendeze tecnologiche 2019 | Sygest Srl

Dall’Intelligenza Artificiale (IA) all’informatica quantistica: le principali tendenze tecnologiche del 2019

Intelligenza Artificiale, blockchain, informatica quantistica, analisi aumentata: sono queste le principali tendenze tecnologiche che guidano la trasformazione digitale e l’implementazione di nuovi modelli di business, plasmando il futuro dell’Information Technology(IT) .

Il processo di innovazione tecnologica ruota intorno a otto parole chiave, che esaminiamo ora nel dettaglio:

  • Augmented Analytics: nella realtà odierna, la maggior parte delle attività di data science è automatizzata e gli analisti dispongono ormai di una grande quantità di dati e informazioni da analizzare, elaborare e raggruppare. Attraverso il Machine Learning e l’Intelligenza Artificiale (IA) è possibile automatizzare i processi di analisi dei dati, rendendo agevole i compiti di analisi anche ai non esperti. L’analisi aumentata rende possibile l’identificazione dei modelli nascosti, rimuovendo condizionamenti e preconcetti soggettivi, talvolta anche inconsci.
  • Sviluppo AI-driven: lo sviluppo tecnologico incentrato sull’integrazione dell’Intelligenza Artificiale (IA) su strumenti, tecnologie e best practice, si basa su tre principi:
    1. Gli strumenti utilizzati per costruire soluzioni basate sull’Intelligenza Artificiale (IA) si stanno trasformando da tool destinati ai data scientist (infrastrutture IA, framework IA e piattaforme IA) a meccanismi destinati alla comunità degli sviluppatori professionali (piattaforme IA, servizi IA). Con questi dispositivi lo sviluppatore professionale può infondere capacità e modelli basati sull’Intelligenza Artificiale (IA) in un’applicazione senza il coinvolgimento di un data scientist professionista.
    2. Gli strumenti utilizzati per costruire soluzioni basate sull’Intelligenza Artificiale (IA) sono dotati di funzionalità che automatizzano le attività relative allo sviluppo di soluzioni potenziate dall’Intelligenza Artificiale (IA). L’analisi aumentata, i test, la generazione automatica di codice e lo sviluppo automatizzato di soluzioni velocizzeranno i processi di miglioramento delle applicazioni e consentiranno a una più ampia gamma di utenti di partecipare alla realizzazione di nuovi software.
    3. Gli strumenti abilitati per l’Intelligenza Artificiale (IA) si stanno evolvendo dall’assistenza e dall’automazione delle funzioni relative allo sviluppo di applicazioni (AD) alla progettazione di nuove soluzioni aziendali.

    Questa trasformazione, fa si che il mercato sia sempre più orientato verso le figure di sviluppatori (detti “citizen application developers”) in grado di utilizzare, in totale autonomia, i modelli di Intelligenza Artificiale (IA) predefiniti e forniti come servizio.

  • Autonomous Things: in questo contesto rientrano tutte le auto, i robot o le macchine intelligenti progettate per l’Industria 4.0, gli oggetti autonomi che sfruttano l’Intelligenza Artificiale (IA) per interagire col sistema e per eseguire compiti tradizionalmente svolti dagli operatori. Dal punto di vista hardware consideriamo robot (che operano in modo totalmente autonomo), veicoli e droni (azionati e comandati da un operatore), mentre per quel che concerne i software consideriamo applicazioni e agenti software che operano secondo diversi gradi di capacità, coordinamento e intelligenza. Emerge dunque uno scenario in cui ogni applicazione, servizio e oggetto incorpora i progressi dell’IA per automatizzare e ottimizzare i processi.
  • Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Altoparlanti intelligenti e Robot

Altoparlanti intelligenti & robot - white-paper | Sygest

Altoparlanti intelligenti e Robot – Il White-Paper di Sygest

In occasione delle festività natalizie, Sygest ti regala un prezioso white-paper dal titolo “Altoparlanti intelligenti e Robot: il futuro prossimo del digitale”


Altoparlanti intelligenti - robot | Sygest

Il 2018 è stato senza dubbio l’anno degli altoparlanti intelligenti: infatti, secondo una recente ricerca di mercato, essi rappresentano la categoria tecnologica che si è evoluta più velocemente nella storia, superando di netto realtà virtuale, realtà aumentata e dispositivi intelligenti indossabili.

Gli altoparlanti intelligenti sono sicuramente alcuni degli acquisti più gettonati degli ultimi mesi, complice l’arrivo sul mercato di Amazon Echo (con tutti i sui modelli e variabili), Google Home e altri smart speaker.

In questi anni, grazie agli smartphone abbiamo già avuto modo di testare e utilizzare questi assistenti digitali (Siri, Google Assistant), ma nel caso degli altoparlanti intelligenti questi consentono di compiere una lunga serie di operazioni pratiche in maniera ancora più immediata e confortevole.

Gli altoparlanti intelligenti sono degli assistenti vocali, oramai sempre più diffusi nelle case, tanto da essere considerati gli oggetti più ricercati nel campo della domotica. Gli smart speaker agiscono da mediatori tra la persona e l’elettrodomestico e, attraverso dei semplici comandi vocali, consentono una semplice e immediata interazione con tutti gli elettrodomestici della casa.

Considerando le ultime innovazioni e i continui progressi della ricerca in campo tecnologico, possiamo tranquillamente affermare che il futuro dell’industria sarà collegato ai robot, i quali giocheranno un ruolo decisivo in quasi tutti i settori.

Il processo di cambiamento messo in atto dall’Industria 4.0, che sta profondamente trasformando i modelli produttivi tradizionali, coinvolgerà non solo le grandi aziende, ma anche le piccole e medie imprese (PMI), che nell’ultimo periodo hanno iniziato ad avviare numerosi progetti di automazione e digitalizzazione.

Le macchine intelligenti migliorano notevolmente tutte le fasi dei processi produttivi, rendendoli più efficienti e veloci: l’automazione si poggerà sempre più su sistemi smart, capaci di apprendere autonomamente, grazie all’apporto dell’intelligenza artificiale e al machine learning.

 

Argomenti trattati nel white-paper

Il nostro white-paper su “Altoparlanti intelligenti e Robot” si articola in cinque capitoli:

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Machine Learning

Machine Learning - white-paper gratuito | Sygest Srl

Machine Learning – Il White-Paper di Sygest

Come possono le aziende beneficiare degli innumerevoli vantaggi offerti dal Machine Learning? E’ questo il tema dell’esaustivo white-paper in regalo da Sygest!

In occasione delle festività natalizie, Sygest Srl regala a tutti i suoi utenti un prezioso white-paper dal titolo “MACHINE LEARNING: come le aziende possono beneficiarne?”.


Machine Learning - white-paper gratuito | Sygest Srl

Il Machine Learning (o apprendimento automatico) è una branca della scienza informatica che trae origine dagli studi sul pattern recognition e sulla teoria dell’apprendimento computazionale. E’ una disciplina strettamente legata all’Intelligenza Artificiale (AI), con la quale condivide scopi e metodi di lavoro, che studia algoritmi in grado di rendere “intelligenti” macchine informatiche altrimenti incapaci di prendere delle decisioni in modo autonomo.

Molti delle applicazioni di Machine Learning sono già diventate di uso comune, come ad esempio Google Traduttore, che è in grado di mostrare il significato di parole in lingua straniera identificate all’interno di un’immagine postata dall’utente. Le nuove tecnologie giocano un ruolo fondamentale sia nel processo evolutivo delle aziende: i ritmi sono sempre più accelerati ed è difficile mantenere il passo e adattarsi rapidamente a tali cambiamenti.

La processo di digitalizzazione è ormai un percorso intrapreso da numerose aziende. Le nuove tecnologie sono la forza trainante di quella che viene definita la Quarta Rivoluzione Industriale (Industria 4.0) e le innumerevoli applicazioni di Machine Learning stanno progressivamente trovando collocazione naturale collocazione in aree aziendali e settori di mercato in cui si elaborano quotidianamente enormi volumi di dati (Big Data).

Per essere sempre competitive sul mercato e al passo con i tempi, le aziende si trovano quindi sollecitate a rinnovarsi continuamente, modificando rapidamente i propri processi di produttivi, i prodotti ed i modelli di business tradizionali, adattandoli a quelle che sono le nuove dinamiche proposte.

Come informarsi dettagliatamente sull’argomento? Semplice, leggendo il nostro focus innovativo sul Machine Learning, scaricabile gratuitamente dal sito Sygest.

Argomenti trattati nel white-paper

Il nostro white-paper sul Machine Learning si articola in cinque capitoli:

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail