Firma elettronica avanzata su tablet

Firma elettronica avanzata, al via le regole tecniche

firma elettronica avanzataCon la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del d.p.c.m. 22 febbraio 2013, la firma elettronica avanzata trova piena operatività e questo perché, fino ad oggi, mancavano le regole tecniche per rendere attiva la disposizione del Codice dell’amministrazione digitale sull’equiparazione del documento informatico con firma elettronica avanzata alla scrittura privata. Infatti, Il Codice si limita a specificare solo le regole generali della firma digitale.

Ad oggi, le applicazioni che utilizzano la firma elettronica avanzata, sono tante e di vario tipo, ma ovviamente devono rispettare le condizioni per poter essere qualificate come “firme elettroniche avanzate”. I requisiti sono i seguenti:

  • l’identificazione del firmatario del documento;
  • la connessione univoca della firma al firmatario;
  • il controllo esclusivo del firmatario del sistema di generazione della firma, ivi inclusi i dati biometrici eventualmente utilizzati per la generazione della firma;
  • la possibilità di verificare che il documento informatico sottoscritto non abbia subito modifiche dopo l’apposizione della firma;
  • la possibilità per il firmatario di ottenere evidenza di quanto sottoscritto;
  • l’individuazione del soggetto che ha erogato la soluzione di firma elettronica avanzata;
  • l’assenza di qualunque elemento nell’oggetto della sottoscrizione atto a modificarne gli atti, fatti o dati nello stesso rappresentati;
  • la connessione univoca della firma al documento sottoscritto

ll ricorso a soluzioni di firma elettronica avanzata è subordinato all’adesione dell’utente che, dopo essere stato identificato ed adeguatamente informato sulle caratteristiche della soluzione, esprime la propria adesione sottoscrivendone le condizioni.

vedi articolin correlati

https://blog.sygest.it/2013/04/firma-digitale-elettronica-avanzata-una-sfida-per-il-mobile/

https://blog.sygest.it/2013/05/firma-elettronica/

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *