Google e il Garante per la tutela della privacy

Google e il Garante per la tutela della privacy

La questione tra Google e il Garante per la tutela della privacy degli utenti italiani

 

Per la prima volta in Europa, Google dovrà assoggettarsi a verifiche periodiche che monitorino l’avanzamento dei lavori di adeguamento della propria piattaforma a una normativa nazionale. Quella voluta dal Garante per la tutela degli utenti italiani.

 
Google e il Garante per la tutela della privacy - Sygest Srl

Queste, in sintesi, le più importanti misure che Google dovrà implementare nel corso del 2015 :

 

  • Informativa sulla Privacy.
    1. La società dovrà migliorare la privacy policy, rendendola chiara, accessibile e differenziandola in base ai servizi offerti (ad esempio Gmail, Google Wallet, Chrome, etc.).
    2. L’informativa dovrà includere, tra l’altro, dettagli sulle finalità e modalità del trattamento dei dati degli utenti, inclusa la profilazione effettuata mediante l’incrocio dei dati tra diversi servizi, l’utilizzo dei cookie e di altri identificativi come il fingerprinting (un sistema che raccoglie informazioni sulle modalità di utilizzo del terminale da parte dell’utente e le archivia direttamente presso i server della società).
    3. Dovrà inoltre predisporre un archivio con le precedenti versioni del testo dell’informativa, così da consentire agli utenti di verificare le modifiche via via apportate.
  • Consenso dell’utente. Se vorrà profilare chi utilizza i suoi servizi, Google dovrà prima ottenerne il consenso informato.
  • Conservazione e cancellazione dei dati. La multinazionale statunitense dovrà ulteriormente migliorare le modalità di conservazione e di cancellazione dei dati personali degli utenti.
  • Richieste di rimozione delle informazioni dai risultati di ricerca da parte degli utenti. Continuerà lo scambio di informazioni in merito alle richieste di rimozione che Google ha ricevuto da parte degli utenti italiani, così da poter monitorare le modalità di applicazione del cosiddetto diritto all’oblio.

 

– Per maggiori informazioni leggi l’articolo completo.

 
 

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

DeviceLock Discovery

DeviceLock Discovery

DeviceLock lancia il nuovo modulo DeviceLock Discovery

 

Caratteristiche

La Suite DLP di DeviceLock presenta il nuovo elemento funzionale DeviceLock Discovery, che permette di ottenere visibilità e controllo delle informazioni archiviate in ambiente IT. Lo scopo è di prevenire proattivamente la sottrazione e/o perdita dei dati conformandosi a regolamenti e impostazioni in tema di sicurezza dei dati aziendali. DeviceLock Discovery esegue automaticamente la scansione dei dati residenti nelle condivisioni di rete, nei sistemi di archiviazione come pure nei computer presenti internamente ed esternamente al network aziendale.


DeviceLock Discovery

Riconoscimento del Contenuto

DeviceLock Discovery ispeziona i contenuti di testo in più di 120 formati di file e più di 40 tipi di archivi nidificati. Al fine di identificare contenuti riservati, DeviceLock Discovery utilizza metodi di riconoscimento strutturati come l’incrocio di parole chiavi e regular expressions (RegExp). Per facilitare la definizione delle regole di filtrazione dei contenuti, il prodotto è rilasciato con centinaia di parole chiave specifiche per diversi settori industriali e linguaggi come pure di modelli di RegExp, per i tipi più comuni di informazioni quali carte di credito, conti correnti bancari, indirizzi, patenti di guida etc. Inoltre è sempre possibile creare dizionari e modelli propri L’accuratezza del riconoscimento del contenuto è massimizzata dall’analisi morfologica delle parole chiave in Inglese, Francese, Tedesco, Italiano, Portoghese, Russo, Spagnolo e Catalano.

Promozioni

In occasione del lancio del nuovo modulo “DeviceLock Discovery” ci saranno delle promozioni valide per abbinamenti parziali o totali della DeviceLock Endpoint DLP Suite con quella del nuovo modulo.

Informazioni e contatti

Per scoprire le promozioni per i nuovi clienti e per chi è già cliente scriveteci a e.corradini@sygest.it e visitate il nostri siti www.sygest.com e www.manualipdf.it .

 
 
 

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail