Innovation Manager

Innovation Manager - Voucher consulenza in innovazione | Sygest Srl

Innovation Manager – Voucher per consulenza in innovazione

Ai nastri di partenza il Voucher Innovation Manager che prevede un contributo fino a 75 mila Euro per le PMI che vogliono avvalersi di un consulente per la trasformazione digitale. Dal 27 settembre 2019, sarà possibile iscriversi all’elenco dei manager qualificati.

 

Il Voucher Innovation Manager è il contributo a fondo perduto introdotto dal Ministero dello Sviluppo Economico (contenuto all’Interno del Piano Nazionale Industria 4.0) che punta a sostenere le PMI che hanno in atto processi di trasformazione tecnologica, digitale e organizzativa.

All’interno di questo scenario, l’Innovation Manager assume un ruolo cardine: si tratta un professionista il cui compito è quello di favorire i processi di digitalizzazione e riorganizzazione aziendale al fine di sviluppare competenze, sul piano tecnico e manageriale, in grado di consentire la gestione dei profili di complessità organizzativa e produttiva che impone la trasformazione tecnologica.

 

Contributo ministeriale

La dotazione finanziaria stanziata per l’attuazione dell’intervento è pari a 75 milioni di Euro ripartita per ciascuna delle annualità 2019, 2020 e 2021. Il decreto attuativo del 7 maggio 2019 fissa i requisiti per accedere al voucher.

Il contributo è rivolto alle PMI (Micro, Piccole e Medie Imprese operanti sul territorio Nazionale) e alle reti di imprese che hanno assunto risorse manageriali per favorire processi di digitalizzazione: l’Innovation Manager appunto. Il contratto di rete dovrebbe prevedere un minimo di tre imprese.

Il voucher è diversificato in funzione alla tipologia di impresa che ne fa richiesta:

  • Micro e piccole imprese: contributo pari al 50% dei costi sostenuti fino ad un massimo di 40 mila Euro
  • Medie imprese: contributo pari al 30% dei costi sostenuti fino ad un massimo di 25 mila Euro
  • Reti di imprese: contributo pari al 50% dei costi sostenuti fino ad un massimo di 80 mila Euro

Inoltre, gli interventi consulenziali possono essere svolti esclusivamente da persone fisiche o società iscritte all’Albo dei Manager per l’Innovazione.

 

Interventi ammissibili

La consulenza deve essere finalizzata a indirizzare e supportare i processi di innovazione, trasformazione tecnologica e digitale delle imprese e delle reti, attraverso l’applicazione di una o più delle tecnologie abilitanti:

  1. big data e analisi dei dati;
  2. cloud, fog e quantum computing;
  3. cyber security;
  4. integrazione delle tecnologie della Next Production Revolution (NPR) nei processi aziendali, anche e con particolare riguardo alle produzioni di natura tradizionale;
  5. simulazione e sistemi cyber-fisici;
  6. prototipazione rapida;
  7. sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (RV) e realtà aumentata (RA);
  8. robotica avanzata e collaborativa;
  9. interfaccia uomo-macchina;
  10. manifattura additiva e stampa tridimensionale;
  11. internet delle cose e delle macchine;
  12. integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali;
  13. programmi di digital marketing, quali processi trasformativi e abilitanti per l’innovazione di tutti i procedimenti di valorizzazione di marchi e segni distintivi (c.d. “branding”) e sviluppo commerciale verso mercati;
  14. programmi di open innovation.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedintumblrmail

Voucher Digitali I4.0

Bando Voucher Digitali I4.0 - incentivi fiscali imprese | Sygest Srl

Bando Voucher Digitali I4.0 – Edizione 2018-2019

Contributi a favore delle imprese sull’acquisto di beni, servizi di consulenza e formazione per le nuove competenze e tecnologie digitali

Nell’ambito del progetto Punto Impresa Digitale (PID), le Camere di Commercio di Ferrara, Bologna e Modena hanno indetto il Bando Voucher Digitali I4.0 per il quale sono state stanziate numerose risorse a favore delle MPMI (micro, piccole e medie imprese) presenti sul territorio.

Le risorse sono riservate alle MPMI che intendono realizzare progetti finalizzati all’introduzione e consolidamento delle competenze digitali e delle nuove tecnologie nell’ambito del Piano Nazionale Impresa 4.0, che promuove la diffusione della cultura e della pratica digitale in tutti i settori dell’economia.

Al Bando Voucher Digitali I4.0 posso partecipare sia le singole imprese, che le imprese che condividono un progetto aggregato con obiettivi comuni, a condizione che esse siano micro-imprese, piccole imprese o medie imprese ritenute tali ai sensi della definizione fornita dalla Commissione Europea (REG. n. 651/2014/UE) e aventi sede legale e/o unità locale operativa nella circoscrizione territoriale delle Camere di Commercio di Ferrara, Bologna o Modena.

In particolare, se il progetto è condiviso e prevede collaborazioni da 3 fino a 20 aziende, è possibile partecipare alla misura A del Bando Voucher Digitali I4.0, altrimenti se il progetto è di una singola impresa quest’ultima può partecipare alla misura B.

Per entrambe le misure sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa, purché relative ad almeno una delle tecnologie 4.0:

  1. spese per servizi di consulenza e/o formazione relativi alle tecnologie d’innovazione digitale 4.0 erogate dai fornitori descritti nel bando, per almeno il 50% delle spese ammissibili totali;
  2. acquisto di beni e servizi strumentali collegati e funzionali all’acquisizione delle tecnologie di cui al precedente punto 1., nel limite massimo del 50% delle spese ammissibili totali.

Le spese potranno decorrere a partire dal 1 gennaio 2019 e fino a 120 giorni dopo la data del provvedimento di approvazione.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedintumblrmail

Voucher digitalizzazione 2019

Voucher digitalizzazione 2019 - MISE | Sygest Srl

Voucher digitalizzazione per le imprese: la Legge di Bilancio 2019 prevede fino ad un massimo di 80.000 euro

Voucher digitalizzazione fino a 80.000 euro in favore delle imprese: è la novità presente in uno degli emendamenti della Legge di Bilancio 2019 e che rientra all’interno delle iniziative del piano nazionale di Industria 4.0

Il voucher digitalizzazione è una misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo (tramite concessione di un “voucher”) finalizzato alla realizzazione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico: tematiche che Sygest cavalca da anni per fornire ai suoi clienti delle soluzioni software sempre più innovative e performanti.

Quello del voucher digitalizzazione rientra all’interno delle iniziative promosse dal Governo a favore del piano nazionale di Industria 4.0 e punta a:

  • migliorare l’organizzazione del lavoro, mediante sistemi tecnologici innovativi e forme di lavoro flessibile come il telelavoro;
  • aumentare l’efficienza aziendale, attraverso sistemi gestionali e strumenti a supporto della gestione dei processi;
  • sviluppare soluzioni di e-commerce;
  • sfruttare tutti i vantaggi della connessione a banda larga e ultra larga o del collegamento alla rete internet attraverso la tecnologia satellitare;
  • realizzare interventi di formazione qualificata del personale in materia ICT

La novità introdotta in un emendamento della Legge di Bilancio 2019 e presentato dai Relatori, prevede l’avvio di un nuovo voucher digitalizzazione in favore delle imprese, di un valore massimo di 80.000 euro.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedintumblrmail

Industria 4.0 – Siti da monitorare

Industria 4.0 - Confindustria - Halloween 2017 | Sygest

Industria 4.0 – Due siti web da seguire per essere costantemente aggiornati sulla rivoluzione 4.0

Per essere sempre aggiornati su tutte le tematiche relative all’Industria 4.0 e consentire ad aziende e PMI di seguire più da vicino le realtà italiane coinvolte nella quarta rivoluzione industriale, sono stati predisposti due importanti siti web: uno da parte di Confindustria e l’altro relativo al progetto SMILE (Digital Innovation Hub di Parma, predisposto da UPI e Università di Parma).

Sempre rimanendo su questo tema, vi ricordiamo la sezione del nostro BLOG interamente dedicato all’Industria 4.0, in cui sono raccolti articoli, video e materiale informativo.

 

Industria 4.0 – il sito web di Confindustria

Il sito web ideato da Confidustria per l’Industria 4.0 è online dal 2 ottobre 2017 ed è raggiungibile o digitando direttamente l’indirizzo preparatialfuturo.confindustria.it oppure cliccando sul banner “Industry 4.0” posto in alto a sinistra  all’interno della homepage del sito di Confidustria.

Il sito web è stato sviluppato in collaborazione con SFC (Area Sistemi Formativi di Confindustria) con l’intento di creare un contenitore di competenze, materiale formativo, informazioni e aggiornamenti, il tutto utilizzando dei criteri di semplificazione in modo da veicolare concetti spesso complessi e stimolare l’attenzione al tema anche da parte di imprese più piccole.


Industria 4.0 - Confindustria | Sygest Srl

Le sezioni più importanti del sito sono le seguenti:

  • Agevolazioni: che illustra, in modo chiaro e aggiornato, tutte le misure adottate dal Piano Nazionale Industria 4.0, così da valutare accuratamente eventuali opportunità;
  • Formazione: in questa sezione sono presenti moduli e-learning e webinar di approfondimento, espedienti come il Quiz 4.0 e video pillole relativi agli aspetti e ai temi più importanti dell’Industria 4.0 (le misure del Piano, le tecnologie, i modelli di business che cambiano, il lavoro e le professionalità del futuro);
  • Media: raccoglie al suo interno tutte le news e attraverso la “Mappa Industria 4.0″ si vuol dare rilievo nazionale a tutti gli eventi locali (sottolineando il “presidio” che Confindustria esercita sul tema attraverso le azioni delle Associazioni territoriali);
  • Digital Innovation Hub: come strumento di supporto per lanciare la rete dei DIH (Digital Innovation Hub) di Confindustria;
  • Check Up Aziendale: permette di ottenere una prima valutazione del grado di digitalizzazione dell’impresa
  • InduSTORY: è la sezione in cui le imprese del sistema associativo raccontano direttamente il loro percorso di trasformazione verso l’Industria 4.0.

 

Industria 4.0 – il sito web di SMILE, il Digital Innovation Hub di Parma

Il sito web è online da ottobre 2016 ed è raggiungibile sia digitando direttamente l’indirizzo smile.italian-dih.eu oppure cliccando sul banner nella sezione “Speciali” posto a mezza pagina sulla destra della home page del portale di UPI.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedintumblrmail

Legge di Bilancio 2017

Legge di Bilancio 2017 | Sygest Srl

Legge di Bilancio 2017: iper e super ammortamento

La Legge di Bilancio 2017, nel capitolo dedicato agli incentivi per favorire la crescita e la competitività delle aziende, registra due importanti iniziative: l’introduzione dell’iper ammortamento del 250% per beni ad alto valore tecnologico e la proroga del super ammortamento del 140% sull’acquisto di beni strumentali.

 

Legge di Bilancio 2017: l’iper ammortamento al 250%

La Legge di Bilancio 2017 introduce per il prossimo anno un’importante novità: l’iper ammortamento al 250% per le aziende che investono in ricerca, sviluppo e innovazione. Questo vuol dire che, per determinati beni, le imprese potranno ammortizzare il cespite in oggetto al 250% del suo valore invece che al cento per cento.

L’elenco completo dei beni che rientrano in questa categoria è ancora in via di definizione ed è a cura di un team specializzato a cui partecipano anche le maggiori associazioni del settore. Nella tabella dovrebbero rientrare anche i software, ma solo nel caso in cui risultino funzionali ad investimenti per impianti e macchinari riconducibili agli obiettivi stabiliti dal Piano Nazionale Industria 4.0.

Questa misura agevolativa costituisce senza alcun dubbio un’importante opportunità di investimento per tutte le aziende che vorranno rendersi tecnologicamente più avanzate e, quindi, maggiormente competitive sul mercato nazionale i internazionale.

 

Legge di Bilancio 2017: il super ammortamento del 140%

Nella Legge di Bilancio 2017, inoltre, rientra anche la proroga del super ammortamento del 140% per gli investimenti in beni strumentali, che era stato introdotta nella Legge di Stabilità del 2016. Ciò prevede una deduzione extracontabile del 40% per gli investimenti in beni strumentali nuovi, impianti e macchinari effettuati da tutti i titolari di reddito d’impresa (lavoratori autonomi compresi), che porta al 140% il valore della deduzione, riducendo la base imponibile su cui vengono calcolate le imposte.

Stando così le cose, nel Piano Nazionale Industria 4.0 questa agevolazione (che riguardava gli investimenti effettuati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016) viene prorogata di un anno, con l’aggiunta un’ulteriore finestra che garantisce la consegna del bene fino al 30 settembre 2018, a condizione però che entro il 31 dicembre 2017 l’impresa abbia versato un acconto pari al 20% del costo totale. Nel caso in cui vengano acquistati veicoli o altri mezzi di trasporto strumentali all’attività dell’impresa, il super ammortamento sarà ridotto, nel quadro della proroga, al 120%.

 
Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedintumblrmail

Iscriviti al Blog per ricevere tutte le news