Blockchain nel B2B, Industria 4.0 e IoT

Blockchain - B2B - Industria 4.0 - IoT | Sygest

Blockchain – Principali applicazioni per aziende B2B, Industria 4.0 e Internet of Things (IoT)

La Blockchain, che letteralmente vuol dire “catena di blocchi”, è una struttura dati condivisa e immutabile, definita come un registro digitale le cui voci sono raggruppate in “pagine” (dette blocchi), concatenate in ordine cronologico e la cui integrità viene garantita da primitive crittografiche. Nonostante la sua dimensione sia destinata a crescere nel tempo, questa resta immutabile dato che il suo contenuto una volta scritto è non più modificabile né eliminabile, a meno di non invalidare l’intera struttura.

La Blockchain può essere definita come un database distribuito e decentralizzato, gestito da una rete di nodi, ognuno dei quali ne possiede una copia privata. Non è richiesto che i nodi coinvolti conoscano l’identità reciproca o si fidino l’uno dell’altro. Per garantire la coerenza tra le varie copie, l’aggiunta di nuovo blocco è globalmente regolata da un protocollo condiviso. Una volta autorizzata l’aggiunta del nuovo blocco, ogni nodo aggiorna la propria copia privata: la natura stessa della struttura dati garantisce l’assenza di una sua manipolazione futura.

Grazie a queste caratteristiche, la Blockchain può essere paragonata alle banche dati e ai registri gestiti in maniera centralizzata da autorità riconosciute e regolamentate (pubbliche amministrazioni, banche, assicurazioni, intermediari di pagamento, ecc.), rappresentando difatti un’alternativa in termini di sicurezza, affidabilità e costi.

Quando si parla di applicazioni della Blockchain, la prima cosa che viene subito in mente sono le criptovalute quali Bitcoin, BlackcoinDash e Nxt.  Questa tecnologia possiede comunque un enorme potenziale e viene utilizzata in diversi ambiti, ad esempio come quello delle aziende B2B, per trasformare i modelli operativi nel lungo periodo.

La tecnologia Blockchain ha tutte le carte in regola per diventare il punto di partenza del cosiddetto Internet of Value: un sistema di cripto valute vigilate, dove la rete digitale di nodi si scambia valore seguendo un sistema di algoritmi e regole crittografiche tramite asset digitali.

 

Applicazioni della Blockchain per le aziende B2B

Come abbiamo avuto modo di analizzare, la Blockchain è in grado di autenticare le informazioni digitali e di conseguenza creare valore. Nell’ambito delle aziende B2B, questa tecnologia è in grado di aprire gli scenari a nuove soluzioni:

  • Contratti intelligenti: il database distribuito consente la codifica dei singoli contratti, eseguiti solo dopo l’incontro di condizioni specifiche.
  • Data management: dato che può essere facilmente distribuito in piccole quantità, il Bitcoin sarà probabilmente la valuta usata per le transazioni relative alla gestione e vendita dei dati generati dalle attività online.
  • Sharing economy: abilitando un sistema di pagamenti peer-to-peer, la Blockchain apre gli scenari alle interazioni dirette tra le parti, con un’economia decentralizzata e di condivisione.
  • Governance: rendendo i risultati accessibili e disponibili a tutti gli utenti, la tecnologia di database distribuita può dare piena trasparenza a votazioni/elezioni o a qualsiasi altro tipo di sondaggio.
  • E-commerce B2B: viene fornita una maggiore sicurezza a queste piattaforme, semplificando lo scambio, la condivisione di documenti tra aziende ed evitando le truffe online
  • Stock Trading: quando viene eseguito un peer-to-peer, le conferme commerciali diventano quasi istantanee; così facendo gli intermediari (come i revisori, i custodi, etc.) vengono rimossi dal processo.
  • Protezione della proprietà intellettuale: gli Smart Contracts proteggono il copyright e automatizzano la vendita di lavori creativi online, eliminando il rischio della copia di file e della loro distribuzione senza il consenso dell’autore.

Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Industrial Internet of Things

Industrial Internet of Things - Industria 4.0 | Sygest Srl

Industrial Internet of Things (IIoT) – Soluzioni per l’Industria 4.0

 

Industrial Internet of Things o (Industry 4.0) è un’espressione molto popolare nel mondo anglosassone per identificare le tecnologie, utilizzate nel contesto industriale, diventate più smart e quindi in grado di rivoluzionare interamente lo scenario aziendale e produttivo, sempre più connesso e ottimizzato attraverso dati e analisi digitali.

Lo scopo dell’Industrial Internet of Things (IIoT) è quello di ottimizzare il processo produttivo connettendo tra loro le macchine, rilevando, acquisendo ed elaborando dati che consentano analisi e manutenzione predittiva, con conseguente risparmio dei costi. Questo è stato uno dei temi trattati nel corso del seminario intitolato “Dalla progettazione CAD al post vendita“, organizzato da Sygest nella giornata di martedi 6 novembre 2018.

Le macchine e i dispositivi collocati all’interno del sistema di produzione possono comunicare e inviare dati attraverso tre modalità: mediante connessione al PLC, a sistemi SCADA o tramite interfacce software in grado di dialogare con dispositivi IoT, sensori intelligenti, etc..

 

1 – PLC

Nonostante l’Industrial Internet of Things o (Industry 4.0) stia facendo passi da gigante il pilastro dell’automazione industriale rimane il PLC, considerato il principale centro di controllo per un sistema di produzione e l’unità di elaborazione centrale per tutte le decisioni in tempo reale.

I PLC vengono progettati per essere dispositivi autonomi e programmabili, in grado di reagire agli input/output ricevuti. Gli algoritmi di controllo al loro interno rispondono alle variazioni di livello logico di pilotaggio che comandano gli attuatori esterni.

I moderni PLC devono garantire:

  • controllo ad alte prestazioni, gli ambienti di produzione necessitano di PLC per elaborare istruzioni, interruzioni e supporto HMI integrato ad alta velocità;
  • connettività di tipo M2M, ovvero Machine-to-Machine, richiedendo così il supporto di più protocolli Industrial Ethernet;
  • sicurezza nelle comunicazioni e interoperabilità funzionale tra diverse piattaforme informatiche.

 

2 – Sistemi SCADA

I sistemi SCADA (acronimo di “Supervisory Control And Data Acquisition” ovvero “controllo di supervisione e acquisizione dati“) sono progettati per controllare un intero impianto di produzione industriale, anche a distanza.

Attraverso sensori e altri strumenti di misurazione collegati a macchinari e strutture della fabbrica, i sistemi SCADA garantiscono un controllo dell’intero sistema. Quando parliamo di sistemi SCADA ci riferiamo a un sistema informatico distribuito in grado di occuparsi della supervisione, raccolta dati e del controllo dell’impianto.

I sistemi SCADA supportano i processi decisionali in azienda e garantiscono un notevole sviluppo dell’automazione industriale, garantendo un controllo esaustivo del processo produttivo in tempo reale, riducendo la necessità di controlli manuali e la presenza fisica di operatori specializzati.

Attraverso la connettività alla rete Internet è infatti possibile accedere ai sistemi SCADA anche da remoto, sfruttando una connessione protetta (ad esempio tramite una VPN) per interagire con il pannello di controllo dell’impianto di produzione.

 
Read more

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Iscriviti al Blog per ricevere tutte le news