Blockchain nel B2B, Industria 4.0 e IoT

Blockchain – Principali applicazioni per aziende B2B, Industria 4.0 e Internet of Things (IoT)

La Blockchain, che letteralmente vuol dire “catena di blocchi”, è una struttura dati condivisa e immutabile, definita come un registro digitale le cui voci sono raggruppate in “pagine” (dette blocchi), concatenate in ordine cronologico e la cui integrità viene garantita da primitive crittografiche. Nonostante la sua dimensione sia destinata a crescere nel tempo, questa resta immutabile dato che il suo contenuto una volta scritto è non più modificabile né eliminabile, a meno di non invalidare l’intera struttura.

La Blockchain può essere definita come un database distribuito e decentralizzato, gestito da una rete di nodi, ognuno dei quali ne possiede una copia privata. Non è richiesto che i nodi coinvolti conoscano l’identità reciproca o si fidino l’uno dell’altro. Per garantire la coerenza tra le varie copie, l’aggiunta di nuovo blocco è globalmente regolata da un protocollo condiviso. Una volta autorizzata l’aggiunta del nuovo blocco, ogni nodo aggiorna la propria copia privata: la natura stessa della struttura dati garantisce l’assenza di una sua manipolazione futura.

Grazie a queste caratteristiche, la Blockchain può essere paragonata alle banche dati e ai registri gestiti in maniera centralizzata da autorità riconosciute e regolamentate (pubbliche amministrazioni, banche, assicurazioni, intermediari di pagamento, ecc.), rappresentando difatti un’alternativa in termini di sicurezza, affidabilità e costi.

Quando si parla di applicazioni della Blockchain, la prima cosa che viene subito in mente sono le criptovalute quali Bitcoin, BlackcoinDash e Nxt.  Questa tecnologia possiede comunque un enorme potenziale e viene utilizzata in diversi ambiti, ad esempio come quello delle aziende B2B, per trasformare i modelli operativi nel lungo periodo.

La tecnologia Blockchain ha tutte le carte in regola per diventare il punto di partenza del cosiddetto Internet of Value: un sistema di cripto valute vigilate, dove la rete digitale di nodi si scambia valore seguendo un sistema di algoritmi e regole crittografiche tramite asset digitali.

 

Applicazioni della Blockchain per le aziende B2B

Come abbiamo avuto modo di analizzare, la Blockchain è in grado di autenticare le informazioni digitali e di conseguenza creare valore. Nell’ambito delle aziende B2B, questa tecnologia è in grado di aprire gli scenari a nuove soluzioni:

  • Contratti intelligenti: il database distribuito consente la codifica dei singoli contratti, eseguiti solo dopo l’incontro di condizioni specifiche.
  • Data management: dato che può essere facilmente distribuito in piccole quantità, il Bitcoin sarà probabilmente la valuta usata per le transazioni relative alla gestione e vendita dei dati generati dalle attività online.
  • Sharing economy: abilitando un sistema di pagamenti peer-to-peer, la Blockchain apre gli scenari alle interazioni dirette tra le parti, con un’economia decentralizzata e di condivisione.
  • Governance: rendendo i risultati accessibili e disponibili a tutti gli utenti, la tecnologia di database distribuita può dare piena trasparenza a votazioni/elezioni o a qualsiasi altro tipo di sondaggio.
  • E-commerce B2B: viene fornita una maggiore sicurezza a queste piattaforme, semplificando lo scambio, la condivisione di documenti tra aziende ed evitando le truffe online
  • Stock Trading: quando viene eseguito un peer-to-peer, le conferme commerciali diventano quasi istantanee; così facendo gli intermediari (come i revisori, i custodi, etc.) vengono rimossi dal processo.
  • Protezione della proprietà intellettuale: gli Smart Contracts proteggono il copyright e automatizzano la vendita di lavori creativi online, eliminando il rischio della copia di file e della loro distribuzione senza il consenso dell’autore.


 

Blockchain e l’Industria 4.0

Nell’ambito Industry 4.0, la logica decentralizzata della Blockchain viene sfruttata per sviluppare soluzioni innovative capaci di supportare al meglio i settori chiave dell’azienda, quali: produzione, logistica e Supply Chain. Gli Smart Contracts, ad esempio, rendono possibile l’automazione della gestione remota dei sistemi: è una combinazione di software, sensori e reti che facilita uno scambio di dati tra oggetti e meccanismi.

Attraverso la Blockchain, è possibile preservare il dato, garantendo la sicurezza e l’affidabilità a tutto il processo della filiera produttiva e di distribuzione. Tale tecnologia mette a disposizione numerose soluzioni, in particolare per la gestione della logistica di prodotto interna ed esterna e per la gestione dei rapporti di filiera.

Sono state implementate delle soluzioni che consentono di sfruttare la logica del “Trust” (usata per i pagamenti digitali) anche nell’ambito delle transazioni che hanno come oggetto “pacchetti di dati” e che rappresentano l’identità di specifici prodotti e delle loro logiche di produzione. In questi casi è d’obbligo disporre della massima affidabilità in termini di gestione dell’identità e dell’affidabilità.

In ambito di Supply Chain, un altro importantissimo vantaggio offerto dalla Blockchain consiste nella possibilità concreta di ridurre i costi di gestione di tutti i passaggi, aumentando così l’affidabilità di ogni attore della filiera e semplificando tutte le attività connesse alle verifiche di tipo legale. Inoltre, consente di gestire la provenienza e l’autenticità delle informazioni e delle informazioni collegate ai prodotti e alle materie prime.

 

Blockchain nell’Internet of Things (IoT)

Anche nel campo dell’Internet of Things (IoT) trova terreno fertile per il suo utilizzo: sfruttando la sua facilità di scambio dati questa tecnologia può essere impiegata per semplificare la comunicazione tra oggetti IoT connessi e rendere ulteriormente più sicuro e veloce lo scambio di informazioni.

La Blockchain può essere inoltre utilizzata come piattaforma per soluzioni che hanno lo scopo di gestire la corretta identificazione dei dispositivi collegati. In questo modo è possibile sviluppare soluzioni di certificazione delle filiere, basate anche sui dati che arrivano dai dispositivi (IoT) e lavorare alla certificazione di Supply Chain.

Quello dell’Identity Management nell’Internet of Things (IoT), ovvero l’identificazione “sicura” degli oggetti coinvolti, è un tema molto importante e delicato. È fondamentale rendere sempre più sicuro il riconoscimento end-to-end degli oggetti virtuali o fisici, dato che sono gli oggetti che in definitiva gestiscono le transizioni ed è con essi che si concretizza l’intermediazione delle persone stesse nelle transazioni.

Per approfondire il tema legato all’implementazione della Blockchain: leggi qui

 

Info e contatti

Per ricevere ulteriori informazioni sul tema della Blockchain e per conoscere la soluzioni software implementate da Sygest, scrivici all’indirizzo e-mail e.corradini@sygest.it. Visita il nostro sito web www.sygest.com.

 
 

Condividi l'articolo su:

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al Blog per ricevere tutte le news