HTTPS e certificati SSL

HTTPS e Google: penalizzati i siti web che non usano i certificati SSL

I siti web che non utilizzano il protocollo HTTPS e i certificati SSL vengono penalizzati da Google per quanto riguarda la loro indicizzazione: conviene dunque correre ai ripari per preservare il proprio ranking

 

Effettuare il passaggio dal protocollo HTTP (HyperText Transfer Protocol) a HTTPS (HyperText Transfer Protocol over Secure Socket Layer) di un sito web è un’operazione necessaria per evitare di essere penalizzati da Google e mantenere il proprio posizionamento nella SERP (Search Engine Results Page) del motore di ricerca.


HTTPS - certificati SSL - Google | Sygest

Attualmente circa il 70 % dei siti web utilizza il protocollo di trasmissione dati HTTP che, da dicembre 2016, non rispetta più gli standard di sicurezza richiesti da Google, che impone di massimizzare la sicurezza di qualunque trasmissione dati.

Le tipologie di siti web maggiormente sollecitati a effettuare il passaggio al protocollo HTTPS sono prevalentemente siti di e-commerce, portali che prevedono transazioni in denaro e siti con un modulo di contatto (contact form).

Più in generale, qualsiasi sito web che gestisce delle trasmissioni dati senza utilizzare il protocollo HTTPS verrà segnalato da Google come sito non sicuro e subirà delle penalizzazioni dal punto di vista del posizionamento.

La penalizzazione nel ranking coinvolgerà anche i siti ottimizzati dal punto di vista SEO (Search Engine Optimization) che, in questo modo, rischieranno di perdere progressivamente la visibilità fino a quel momento ottenuta.

Google segnalerà il sito in esame attraverso tre tipi di marchiatura differenti:

  1. un avviso che comparirà nei risultati di ricerca, in cui informerà l’utente che il sito “non rispetta i termini di sicurezza”;
  2. un’icona a forma di lucchetto e una linea rossa applicata sopra, che comparirà nella barra dell’indirizzo del browser prima dell’URL del sito;
  3. una videata a tutto schermo in cui comparirà un lucchetto di colore rosso che inviterà gli utenti a non proseguire con la navigazione, poiché la connessione dati non è privata.

Tutte queste penalizzazioni porteranno il sito in questione a essere considerato come inaffidabile, con conseguente calo degli accessi.

Nel caso di siti e-commerce tale marchiatura rappresenterà un danno notevole che potrebbe generare perdita di potenziali clienti e di fatturato, allarmati dal fatto di dover eseguire delle transizioni di pagamento su piattaforme che Google non considera sicure.

 

Protocollo HTTPS e i certificati SSL: cosa sono

Il protocollo HTTPS utilizza i certificati SSL (Secure Sockets Layer) che consentono di stabilire una comunicazione sicura dalla sorgente al destinatario (end-to-end), criptando il flusso di informazioni che vengono raccolte dal sito web e fornendo autenticazione, integrità dei dati e confidenzialità.

Attraverso l’ausilio dei certificati SSL è possibile trasmettere informazioni in modo sicuro e protetto: le applicazioni possono gestire l’invio e la ricezione di chiavi di protezione e di criptare/decriptare le informazioni trasmesse utilizzando le stesse chiavi.

Grazie ai certificati SSL è possibile accertarsi che il server a cui ci si connette è autentico, ossia è effettivamente quello che dichiara di essere.

Per concludere, possiamo affermare che i siti web che attivano un protocollo HTTPS tramite certificati SSL possono ottenere i seguenti vantaggi:

  1. Miglioramento del ranking: benefici sul posizionamento nella SERP (Search Engine Results Page) di Google, con conseguente aumento della visibilità e degli accessi.
  2. Sicurezza dei dati in termini di
    • Autenticità: i dati ricevuti dal sito web sono affidabili
    • Integrità: i dati non hanno subito alterazioni durante il trasferimento
    • Crittografia: in caso di intercettazione dei dati, gli stessi non sono leggibili
  3. Affidabilità: gli utenti che vedono il lucchetto verde nella barra dell’indirizzo del browser hanno una maggiore fiducia nei confronti del sito che si apprestano a navigare.

Il tema della sicurezza è affrontato con grande attenzione da parte di Sygest®, in particolare durante la fase di implementazione delle soluzioni web destinate alla Pubblica Amministrazione e alle aziende in ambito Industria 4.0.

L’obiettivo è sempre quello di fornire massima protezione alle transazioni online.

Le soluzioni web di Sygest® supportano pienamente il protocollo HTTPS e, attraverso i certificati SSL, garantiscono riservatezza e autenticità delle connessioni, rendendo la navigazione affidabile e sicura.

Per indagare ulteriormente le tematiche legate al protocollo HTTPS come elemento a favore del ranking: leggi l’approfondimento di Google

 

Info e contatti

Per ricevere informazioni aggiuntive in merito all’utilizzo del protocollo HTTPS e dei certificati SSL e non essere penalizzati da Google e per conoscere tutte le soluzioni sviluppate da Sygest®, ti invitiamo a scrivere all’indirizzo e-mail e.corradini@sygest.it e a visitare il sito web www.sygest.com

 
 

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al Blog per ricevere tutte le news