Dichiarazione di origine delle merci

Dichiarazione di origine delle merci e packing list fotografica

La dichiarazione di origine delle merci è un documento di fondamentale importanza che attesta l’origine del materiale da spedire, indicando il luogo in cui la merce è stata prodotta o dove ha subito l’ultima trasformazione sostanziale.

La specifica accompagna i prodotti esportati in via definitiva verso paesi extra-comunitari o anche comunitari, qualora l’importatore lo richieda espressamente.


Dichiarazione di origine delle merci | Sygest

La classificazione d’origine delle merci, gestita in maniera autonoma da ogni singola azienda, deve rispettare delle precise regole certificate.

Il dato riportato è di fondamentale importanza per varie operazioni.

  1. Domanda di rilascio di certificati di circolazione EUR 1 o base per la compilazione delle dichiarazioni su fattura. L’errata dichiarazione su un documento fiscale è perseguita non solo con sanzione amministrativa, ma anche penalmente.
  2. Correttezza, per permettere al ricevente la successiva classificazione e il calcolo dei dazi.

Per la corretta compilazione del dato è necessario che le imprese operanti sui mercati esteri riescano ad associare il dato  puntuale a ogni singolo item o insieme di item.

L’associazione può avvenire automaticamente grazie al supporto di una soluzione software estremamente verticale ed efficace. Sygest è in grado di fornire questo servizio grazie alla soluzione Packing List Photo.

È importante riuscire a gestire la tracciabilità delle documentazioni a supporto della spedizione, perché il prossimo futuro è quello di esportatore autorizzato (esiste un disegno di legge che prevede l’abolizione della documentazione cartacea a supporto dell’EUR 1).

Esportatore autorizzato (autorizzazione già indispensabile per Canada e Corea del Sud) è una richiesta di autorizzazione che dovrà essere inoltrata all’Agenzia delle Dogane competente per zona.

Resta peraltro inteso che la ditta richiedente dovrà comunque concedere l’accesso in tutte le proprie filiali e unità di produzione alle autorità doganali, al fine di consentire i necessari controlli.

L’operatore è peraltro tenuto a richiedere una specifica autorizzazione per ciascun Paese di destinazione delle proprie merci.

Proprio su questa tema, la Circolare 11/D prevede:

  • intensificazione dei controlli al momento del ricevimento della domanda di rilascio;
  • richiesta di dichiarazione sostitutiva di atto noto, completa di delega al rappresentante in dogana (non più sufficiente l’indicazione in fattura);
  • documentazione giustificativa dell’origine merce, con particolare attenzione alle esportazioni da parte di soggetti non produttori;
  • presentazione della domanda di rilascio, completa di tutte le informazioni e dei documenti dovuti, entro il limite di dieci giorni antecedenti la presunta data di presentazione della dichiarazione doganale (numerose deroghe da parte degli uffici periferici, deroga per soggetti AEO, esportatori autorizzati).

Alla luce dei punti analizzati finora, appare evidente come la dichiarazione di origine della merce non debba essere presente solo in fattura ma debba essere consultabile direttamente, in modo semplice ed efficace, anche da persone presenti in dogana.

È evidente che serve una struttura di archiviazione e supporto dei dati. Ma com’è possibile realizzare concretamente tutto ciò? Sygest propone un sistema che estrae i dati in maniera semplice da:

  1. Gestionale proprietario
  2. Software di supporto
  3. Foglio elettronico

 

Packing List Photo

Packing List Photo permette di spedire in modo corretto e sicuro le proprie merci.

Per packing list fotografica si intende una packing list completa di fotografie e specifiche del materiale spedito all’interno di pallet o casse.


Packing list fotografica - Packing List Photo | Sygest

Grazie alla semplice lettura del QR-code applicato sulla cassa è possibile monitorare su un qualsiasi dispositivo mobile tutti i prodotti contenuti nei singoli imballi, così da avere, in ogni istante, un riscontro visuale del materiale spedito.

Ricollegandoci al discorso della dichiarazione di origine delle merci, sfruttando le caratteristiche appena citate della packing list fotografica,è dunque possibile:

  1. Fornire delle informazioni chiare e definite riguardanti ogni singolo oggetto della merce in spedizione.
  2. Gestire tutte le informazioni richieste attraverso l’utilizzo di immagini e codici.
  3. Identificare con precisione ogni singolo prodotto/elemento in un documento.
  4. Fornire in anticipo, ai vari soggetti coinvolti, i dati relativi alla spedizione.
  5. Ridurre i tempi di controllo all’interno di dogane, cantieri e presso clienti finali.
  6. Controllare in tempo reale la congruenza tra materiale spedito e materiale preparato dall’imballatore.
  7. Agevolare la trasparenza di rapporto tra fornitore, vettore e cliente.
  8. Facilitare le operazioni di consultazione e controllo.

Packing List Photo è infatti utilizzabile con ogni sistema operativo e su diversi dispositivi, mobili o fissi, come PC, tablet, iPad, iPhone e smartphone.

Per creare una packing list fotografica del materiale spedito all’interno di pallet o casse, Sygest ha sviluppato l’innovativa soluzione Packing List Photo.


 

Info e contatti

Per approfondire le tematiche inerenti la dichiarazione di origine delle merci e la packing list fotografica ti invitiamo a scrivere all’indirizzo e-mail e.corradini@sygest.it e a visitare il sito web www.sygest.com

 

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al Blog per ricevere tutte le news