SPS IPC Drives Italia

SPS IPC Drives Italia 2017 – La Fiera dell’automazione industriale

 

SPS IPC Drives Italia è la manifestazione di riferimento per l’automazione industriale che riunisce tutti i più importanti fornitori e produttori del panorama italiano.

Dopo il successo ottenuto con la sesta edizione, che ha fatto registrare un incremento di visitatori del 22%, SPS IPC Drives Italia si prepara al suo settimo appuntamento, che si terrà a Parma dal 23 al 25 maggio 2017, presso il quartiere fieristico.

SPS IPC Drives Italia rappresenta una fiera di soluzioni e non solo di prodotti: si caratterizza infatti sia per la presenza di tutti i principali fornitori di componenti e sistemi per l’automazione, che per l’attenzione posta alle soluzioni tecnologiche e alla divulgazione delle applicazioni realizzate nei vari settori industriali.

 SPS IPC Drives Italia è anche agorà di confronto e di informazione che offre ai visitatori aree espositive dedicate a università, centri di ricerca, start-up, integratori di sistemi e industrial software, risultando particolarmente interessante per i costruttori di macchine e gli utilizzatori finali.

La ricca offerta formativa viene poi completata da tavole rotonde, convegni scientifici, seminari e workshop a tema.

Un appuntamento assolutamente da non perdere per progettisti, direttori tecnici, direttori di produzione, ma anche per titolari, amministratori delegati, direttori generali che potranno incontrare gli interlocutori giusti a cui porre le proprie domande e soprattutto per trovare sempre delle risposte adeguate.

 

Intervento di Sygest sul tema della Digitalization of Service

Giovedì 25 maggio alle ore 14 presso il Padiglione 7 (Sala Pistacchio) si terrà un importante seminario dal titolo “Il Cloud nell’Automazione Industriale: rischi ed opportunità.

A questo incontro interverranno Sygest (nella figura dell’ing. Bisaschi) e FMT che presenteranno un case history di collaborazione, legato al progetto SMILE (progetto che approfondiremo nel prossimo paragrafo).

Il tema di discussione che affronterà l’ing. Bisaschi è quello della Digitalization of Service, ovvero come i sistemi cyber fisici sono in grado di rispondere alle necessità del mondo meccanico.

In particolare, verrà mostrato com’è possibile realizzare un sistema cyber fisico grazie alla collaborazione fra un’azienda meccanica specializzata nella produzione di macchine per l’imbottigliamento e la movimentazione di prodotti alimentari e una società di informatica che da anni lavora per realizzare soluzioni alle necessità di fornire assistenza al cliente finale.

Successivamente verrà affrontato il tema dell’Industria 4.0, sottolineando come questo modello rappresenti una reale opportunità di innovazione e sviluppo per tutte le numerose aziende meccaniche presenti sul territorio emiliano che realizzano impianti per l’industria alimentare.

Grazie all’esperienza e alla conoscenza dei processi, che possono essere ottimizzati attraverso l’ausilio di nuovi sistemi di controllo (IoT), queste aziende possono cogliere l’opportunità di sviluppare un business assai concreto, ovvero: il service post-vendita conosciuto anche con il termine di Service 4.0.

 

Il progetto SMILE

All’interno del padiglione 7, verrà presentato l’innovativo progetto denominato SMILE (Smart Manufacturing Innovation Lean Excellence centre), promosso dall’Università degli Studi di Parma (Dipartimento di Ingegneria e Architettura) e dall’Unione Parmense degli Industriali allo scopo di favorire lo sviluppo digitale delle piccole e medie imprese italiane.

SMILE è un Digital Innovation Hub europeo che fa parte della Rete Europea dei Digital Innovation Hub, promossa dall’iniziativa I4MS (ICT Innovation For Small Medium Enterprise) che si propone di sviluppare servizi in forma collaborativa.

SMILE ha istituito e gestisce due specifici comitati di indirizzo: uno per società di manufacturing, l’altro per società ICT provider. Le aziende possono iscriversi ai comitati di indirizzo pagando una quota annuale di iscrizione, tramite la quale potranno:

  • partecipare alle attività del DIH, indirizzando (in modo collegiale) su quali “use cases” o su quali “key enabling technologies” il DIH dovrà lavorare e dovrà relazionare alle aziende aderenti il comitato di indirizzo;
  • avere un servizio di valutazione della maturità digitale dell’azienda: un team di esperti del DIH svolgendo un assessment coordinato e condiviso con la società, fornirà un indice di maturità digitale dell’azienda individuando le possibili aree di miglioramento;
  • avere studi di fattibilità tecnico/economica che permettano alla società di capire in quali aree migliorare e quali benefici poter ottenere tramite il miglioramento.

 

Info e contatti

Per ricevere ulteriori informazioni sul tema della Digitalization of Service che sarà affrontato a SPS IPC Drives Italia 2017 e per conoscere tutte le soluzioni software di Sygest, ti invitiamo a scrivere all’indirizzo e-mail e.corradini@sygest.it e a visitare il nostro sito web www.sygest.com

 

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al Blog per ricevere tutte le news