I vantaggi della Digital Advanced Visualization

Digital Advanced Visualization: quali vantaggi?

 

Digital Advanced Visualization (DAV) è la sigla utilizzata da Sygest per identificare l’impiego della tecnologia 3D nella fase di progettazione, in uno scenario che consente di usufruire dei dati sottostanti al progetto di una macchina o di un componente.

Nei precedenti articoli pubblicati sul nostro blog (link), abbiamo parlato degli ostacoli e delle resistenze poste alla Digital Advanced Visualization. Adesso però ci chiediamo: quali sono i reali vantaggi che si possono ottenere?


 

Innanzitutto precisiamo che, per quanto concerne il termine “progettazione”, l’attività di progettazione 3D apre scenari molto ampi, dal momento che, tipicamente, il modello 3D è “carrier” di una mole eterogenea di dati e informazioni di progetto e di prodotto.

La rivoluzione apportata dalla progettazione 3D può essere paragonata alla rivoluzione cui abbiamo assistito con l’introduzione sul mercato dei motori alimentati tramite turbocompressore.

Il turbocompressore è funzionale al nostro esempio perché ha introdotto il concetto di utilizzo di un output (i gas di scarico) al fine di reimpiegarlo come nuovo input del sistema.

Allo stesso modo, la progettazione 3D, che contiene numerosi dati, oggetti e informazioni, permette di riutilizzare le stesse per usi e output differenti: sostanzialmente, la progettazione di un singolo modello 3D, può fungere da input per varie funzionalità aggiuntive.

Per esempio, per quanto riguarda la prototipizzazione digitale, il modello 3D conferisce l’opportunità di generare in modo immediato una stampa stereografica.

Il settore della stampa stereografica, che ha ormai 25 anni, sta recentemente vivendo un boost tecnologico, sia lato hardware che lato software, che ha determinato un incremento notevole di prestazioni e funzionalità, industrializzando di fatto tutto il settore.

La possibilità di stampare in 3D in modo rapido e a costi relativamente bassi, partendo da un progetto 3D nativo, determinerà di certo un vantaggio enorme per le aziende meccaniche in termini di testing e valutazione immediata delle funzionalità di macchine, impianti e sistemi.

Grande impiego dei modelli 3D si riscontra anche nel campo della simulazione, in special modo per quanto riguarda la progettazione meccanica e fluidodinamica. Nel settore delle auto da corsa e della componentistica per auto da corsa la simulazione è, per esempio, impiegata strategicamente da anni.

Ormai, anche nel più tradizionale settore della progettazione di macchine automatiche per la lavorazione e la produzione su scala industriale, la simulazione di automatismi e operatività è comune ed anzi, sta sempre più divenendo un fattore critico di successo: il progettista di impianti e macchine automatiche si è infatti reso conto che la simulazione riduce costi di prototipizzazione e tempistiche di accesso al mercato. Anche la simulazione su scala industriale trae quindi evidenti benefici dalla progettazione nativa 3D.

Sempre parlando di informazioni e condivisione di dati e documenti, un’altro punto di forza del modello 3D è la presenza al proprio interno di metadati (codici, descrizioni, unità di misura, nominativo del progettista e altre tipologie di informazioni).

Tutte queste informazioni, opportunamente ed efficacemente condivise in azienda e tra l’azienda e i propri partner, generano notevole valore aggiunto e permettono di tracciare e rendere trasparente il lavoro del progettista e di tutti gli operatori aziendali che, per un qualsiasi motivo, hanno a che fare con un modello 3D: dal tecnico addetto alla manutenzione delle macchine, all’operatore commerciale, all’addetto marketing.

La fabbrica del futuro si identifica sempre più con il concetto di Fabbrica 4.0 e si basa sul dialogo tra: nuove tecnologie di comunicazione, prodotti della nano elettronica e sistemi software sempre più avanzati. Questa sinergia punta a ottimizzare e a rendere più efficaci e vantaggiosi i processi produttivi. Sono molte le indicazioni che fanno intravedere questi nuovi orizzonti, una di queste è appunto lo scenario mostrato dalla Digital Advanced Visualization.

 

Info e contatti

Per ricevere ulteriori informazioni legate al tema della Digital Advanced Visualization e per conoscere tutte le soluzioni software sviluppate da Sygest ti invitiamo a scrivere all’indirizzo e-mail e.corradini@sygest.it e a visitare i siti web: www.sygest.com e www.manualipdf.it

 

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti al Blog per ricevere tutte le news