La sicurezza dei documenti PDF

La sicurezza dei documenti PDF: una breve sintesi di cosa, perchè e come

La sicurezza dei documenti pdfLe informazioni  che abbiamo memorizzato dentro il nostro computer possono essere di natura sensibile e questo perché possono riguardare fatti dei nostri affari di lavoro o fatti della nostra vita personale. Quindi se parliamo di privacy, sicuramente l’argomento sicurezza diventa di vitale importanza per proteggere i nostri dati. Purtroppo il rischio di mettere “a nudo” la sicurezza dei documenti PDF c’è, e molto spesso per i motivi più semplici, come dimenticare o perdere la password di sicurezza. Nuove violazioni si possono trovare su molti blog su internet, per quanto riguarda le aziende software ed è probabilmente per questo motivo che Adobe ha deciso di avere un “addetto alla sicurezza”: Adobe Acrobat XI dispone di una serie di misure di sicurezza incorporate nell’applicazione che permettono di avere una sicurezza a livello di governo, anche se questo  non significa totale sicurezza. Alcune delle misure di sicurezza dei documenti PDF, oltre le password, sono:

  • CRITTOGRAFIA, per fornire un livello di difesa;
  • PERMESSI, per controllare la compilazione degli utenti;
  • AZIONI, cioè una serie di passaggio per permettere all’utente di creare PDF conformi  alle politiche di sicurezza dell’organizzazione;
  • AUTORE FIRME, che permette di proteggere l’autenticità e l’integrità dei documenti;
  • STRUMENTI DI REDAZIONE E RIMOZIONE, per poter eliminare definitivamente il testo o le immagini sensibili, e rimuovere informazioni tipo: metadati, sottolivelli e testo. È importante farlo correttamente, altrimenti sarebbe una semplice rimozione di uno strato;
  • INTREGRAZIONE CON ADOBE LIVECYCLE RIGHTS MANAGEMENT ES4 dinamico, per poter monitorare, controllare e verificare l’accesso e l’uso.

Purtroppo questi sono i modi per poter tenere al sicuro i nostri documenti elettronici, ed eserciti e governi pensano sia un buon metodo per poter avere tutto in sicurezza.

Condividi l'articolo su:

Facebooktwitterredditlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *